lunedì 14 gennaio 2008

ESPORTAZIONE senza filtro



Salve a tutti,

Oggi esamineremo l'esperienza di fumo da un'ottica diversa,infatti mi appresto a recensire delle sigarette senza filtro: l'esportazione.Un tempo erano assai diffuse chiedete ai vostri nonni per ottenere conferma,tuttavia la concorrenza internazionale congiuntamente al nuovo ciclo dei consumi le hanno quasi completamente relegate nel dimenticatoio tanto che oggi sono veramente pochi a fumare senza filtro;tuttavia noi del blog non possiamo rinnegare la storia e tacere su una famiglia,quella delle sigarette non filtrate che ha dato tanto al mondo della nicotina: in ogni caso sono ben poche in italia al giorno d'oggi le marche senza filtro commercializzate,in quanto le case produttrici hanno smesso di puntare su questo segmento a differenza di quello che accade negli Stati Uniti o in Giappone dove sono disponibili Lucky Strike, Camel, Chesterfield, Pall Mall e molte altre marche per coloro che preferiscono fumare senza filtro.Alla base del fumare queste particolari sigarette c'è un' altra filosofia,un altro modo di essere,si cerca di instaurare quasi un rapporto diretto con la sigaretta,è diversa la gestualità infatti questa va appena appoggiata sulle labbra e le tirate non devono essere eccessivamente profonde.Passiamo ora ad una descrizione dettagliata della nostra esperienza:

SAPORE: 2,5/6 Molto deciso,arcigno a tratti quasi intollerabile,si sentono pezzi di tabacco in bocca,la sigaretta non è pensata per offrire delle note aromatiche particolari,non c'è una miscela di alta qualità.

STORDIMENTO: 5,5/6 l'assenza del filtro ovviamente determina uno stordimento pazzesco,si rischia di diventare scemi e pensare che i nostri nonni arrivavano a fumarne persino 80 o più al giorno, solo le papirose russe con 35 mg di catrame riescono insieme a poche altre marche a surclassarle nello stordimento.

QUALITÀ: 2/6 non è certo la miscela delle davidoff magnum, rimangono fedeli al target dei vecchi fumatori di una volta che in larga parte non erano affatto ricchi e fumavano molto quindi erano impossibilitati ad allargare i loro orizzonti nella cultura del fumo.

ORIGINALITÀ: 2,/5 ammetto di non avere molta esperienza con le sigarette senza filtro,tuttavia non si distinguono molto rispetto alla concorrenza,rappresentata principalmente dalle nazionali.

PERSONALITÀ: 2/4 Oggi fumare senza filtro è di nicchia, non da persone degli strati bassi, tuttavia coloro che decidono di fumare senza filtro si indirizzano sulle arcinote marche americane e in maniera minore su quelle russe e giapponesi. Le esportazione non godono di moltissima popolarità all'estero, a dispetto del nome.

STILE: 1,5/3 l'assenza del pacchetto duro un po' incide sul nostro giudizio, in ogni caso il design del pacchetto è molto retrò, anche se la nave è carina non basta certo a colmare il divario di stile con la concorrenza.

TOTALE: 16,5/30

CONCLUSIONI:
Io le raccomando a coloro che sono interessati a vivere un'esperienza di fumo diversa dalla norma e hanno curiosità di sapere come fumavano i nostri nonni, (NB: la versione di una volta superava i 15 mg di catrame) tuttavia l'obiettivo della mia recensione è richiamare l'attenzione sulle sigarette senza filtro; in Italia (tanto per cambiare) la scelta è veramente poca, altro ostacolo che nel suo piccolo il nostro blog cercherà di denunciare.

PREZZO: 3,50€ per il pacchetto da 20

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.

19 commenti:

Anonimo ha detto...

GOLUA' UNA NATTA DA VERO RE!!!!!!!!!!!!

lu papero ha detto...

non sono male, ho avuto l'occasione di scroccarne una ad un concerto, non fanno per me ma sono davvero buone

lu papero ha detto...

(ho dimenticato un pezzo :-))
dopo la prima sigarette sarete talmente infastiditi dal tabacco che vi è finito in bocca che non vorrete far l'altro che buttarle a terra e saltarci sopra imprecando come pazzi

Anonimo ha detto...

Spazio sprecato su questo bellissimo sito. Sigarette di infima qualità.

Anonimo ha detto...

il conte B.B di R., padre di un mio caro amico, era un divoratore di Esportazione, che faceva arrivare apposta per lui, da un suo tabaccaio di fiducia. E' morto ultranovantenne, sempre fumando le sue Esportazione.
Può essere molto chic ostentare su un tavolino di un bel salotto, un pacchetto di Esportazione. E pace per i pezzetti di tabacco che finiscono in bocca...
Malbert

Anonimo ha detto...

mio parere
SAPORE:5/6deciso,forte ma per niente ecessivo vista la mancanza del filtro,gusto classico,vero,puro,accogliente,sensibile,x i pezzetti di tabacco in bocca ci si fa l abitudine sia a sentirli e sia a nn farli entrare
STORDIMENTO:3/6ci si abitua a tutto,nonostante la mancanza del filtro nn sono forti come si pensa
QUALITà:4/6nn certo una miscela raffinata,ma rispecchia egraggiamente la storia di queste sigarette
ORIGINALITà:0/5nn sono fatte per essere originali,rispettano il classicismo delle sigarette italiane
PERSONALITà:2/4vedi originale
STILE:2/3classico pure questo,per niente ricercato,fatta esclusione del colore,verde

Anonimo ha detto...

GRANDI PAGLIE!

Anonimo ha detto...

Io fumo le Esportazione. Hai azzeccato quasi tutto, secondo me. IO le ho provate proprio per sapere come fumavano i miei nonni (di cui uno morto 65enne per un tumore ai polmoni..però il tabacco è una delle cose + buone del mondo). Da allora non le ho più lasciate: sento un feeling diverso con la sigaretta...non è una semplice accendi e fuma. la devi raddrizzare nel caso si sia stortata, la appoggi delicatamente sulle labbra per non sbavarla, devi appiattire le foglie di tabacco che sporgono dalla parte che metti in bocca...insomma, la devi curare. Probabilmente a molti sembrerò un coglione (e forse a ragioneXD), ma il senza filtro me lo godo di più. Complimenti per il blog!

Anonimo ha detto...

ah, però se vuoi recensire delle sigarette davvero orrende trova le Sparta! le ho fumate per una settimana intera in repubblica ceca e, dato che là si fuma ovunque, ne ho fatta fuori una stecca e mezzo. Al ritorno le Esportazione mi sembravano le Davidoff...XD

Anonimo ha detto...

le sigarette senza filtro sono davvero le piu buone...
ha ragione a dirle che bisogna curarle...soprattutto per il loro pacchetto soft...io ho 17 anni ed e da quando ne ho 15 che fumo nazionali senza filtro...quelle fumate da mussolini...
ora sono molto piu buone...
e sono pocomeno forti di una marlboro...
ma si gustano davvero tanto...le esportazione sapete dirmi quanto hanno di katrame e nikotina?
mai provate...ma sono curioso...ho visto che sono uguali alle nazionali come struttura...p.s IO PER TENERLE BENE LE METTO IN UN PAKKETTO DI LATTA DELLE MARLBORO...

Anonimo ha detto...

Un piccolo dettaglio che nessuno ha ricordato, quando la riga e la scrittina sulla sigaretta si bruciano, il tutto si può ancora vedere distintamente sulla cenere, un emozione che una filtrata non potrà mai dare :)

pinkmarta

Anonimo ha detto...

anch'io le preferisco senza filtro,quando prendo le camel blu 100's(essendo più lunghe mi ci trovo meglio) il filtro lo tolgo sempre,e sono mooooolto meglio,essendoci anche l'etichetta con la scritta che racchiude il tabacco un po' più dentro,non mi entra neanche in bocca(qualche briciolino ogni tanto). Il problema è quando sei guasi in fondo che ti bruci le labbra e tocca buttarla via un po' prima...Anche se Senza Filtro(mi ricorda il film degli Articolo 31) sono molto buone,le Chesterfield Rosse rimangono nel mio cuore(anzi nei polmoni)[notare la parlata in rima XD].

Anonimo ha detto...

..salve a tutti..fumando sempre sigarette bionde ad un certo punto non trovavo piu' sfizio..mio padre mi raccontava che prima le sigarete erano maggior vendute quella senza filtro..e allora appena sono entrato in una mia tabaccheria di fiducia..per comprare le solite "bionde" ho visto la scritta "ESPORTAZIONE"su un bel pacchetto morbido verde..con la carissima nave ritratta sopra..nemmeno a pensarci le ho prese al volo..era circa un'anno fa'..da allora non le ho piu' lasciate..mi ricordo avevo una merit in tasca e aprii subito il pacchetto..il tabacco era cosi diverso che la curiosita' mi portava a fare tiri da strozzarmi la gola..buonissime!..ultimamente le mie esportazioni le sto fumando con un bocchino david ross che consiglio a tutti..per una esperienza di fumo davvero speciale..un saluto a tutti..e complimenti per il blog..

Anonimo ha detto...

le sigarette egualitarie degli anni 50 60, fumate dalla meglio gioventu', ultimo residuo di un'epoca di grandi cambiamenti sociali

Anonimo ha detto...

beh voglio dire la mia , quete sigarette retrò di...come fumavano i notri nonni se a qualcuno appaiono strane o "fastidiose" è perchè lo stile ed il metodo del fumatore del tempo era ben diverso da quello odierno , il fumo va un pò capito se ci si vuol godere all'epoca era di comune uso la pipa ed i sigari forse piu di quanto lo sono adesso e quete erano sigarette improntate su quest'ottica , neanche vanno aspirate solo degustate , lentamente senza tirarle piene come una marlboro light o gold che dir si voglia , allora vi daranno il meglio di se , perchè davvero non sono male anzi...e lo dice uno che di solito fuma a pipa quindi per me il tabacco ha un significato ben preciso !! non gli darei ne un 10 ne un 9 ma di sicuro se fumate giuste un bel 7 glielo dò pieno !! ..saluti...

attilio pepe !!!

giovanbattista ha detto...

Erano le mie sigarette! Nel '98 quando facevano 15mg di condensato avevano un sapore intenso, rotondo, leggermente acidulo e a detta di molti amici era un buon sapore. Le preferivo alle Nazionali SF (di allora) perchè le trovavo più dolci. Adesso hanno 10mg(nuovo limite massimo di legge che costringe i produttori a slavare il tabacco con Dio solo sa quali solventi) e dato che l'ETI non le addiziona con aromi chimici come quasi tutte le altre marche sul mercato, sembra di fumare paglia da imballaggio. Su questo sito (allegato 3) ci sono gli ingredienti addizionati al tabacco delle sigarette italiane.http://www.tabaccheria21.net/composizione____.htm
Peccato

Anonimo ha detto...

Non male anche se io preferisco le SUPER, ora esistono solo con filtro.
Il tabacco nn sa di paglia, anzi...è anch'esso più scuro delle classiche bionde, non è chimico e dà soddisfazione (10 mg / 1 mg / 10 mg). Manuel

Paolo Antonio Tocco ha detto...

Le ho fumate per tantissimo tempo, poi passai alle Senior Service, tabacco virginia meraviglioso, quando non le importarono più perché era entrata la legge antifumo, sono dovuto ritornare alle Italiane, e le uniche senza filtro appunto erano queste....Poi fatte sparire........Niente più senza filtro e togliere il filtro significava diminuire le "boccate di fumo"....ed io fino all'anno scorso ero un superfumatore.......Ho dovuto smettere, ma mi manca la mia amante fumosa.........

Anonimo ha detto...

Salve a tutti sono nuovo di qui,un signore anziano mi ha regalato un pacco di nazionali senza filtro che erano di suo nonno,qualcuno mi sa dire se il tabacco all'interno può essere ancora fumabile o ormai è inutile proprio che apro il pacchetto perchè volevo provarle?