venerdì 10 ottobre 2008

DANNEMANN MOODS senza filtro







Salve a tutti,
E’ per la prima volta che ci apprestiamo a descrivere un prodotto che non rientra nell’universo delle sigarette. Abbiamo così deciso di debuttare con uno dei più graditi e blasonati emblemi del fumo di nicchia: DANNEMANN, in particolare il suo prodotto più famoso; i sigaretti MOODS, punta di diamante della casa Brasiliana.
I MOODS sono disponibili nelle versioni con e senza filtro. Per oggi ci limiteremo a recensire la versione senza filtro.
Sebbene la solita scritta ammonitiva campeggi nero su bianco su circa un terzo del pacchetto, si riesce a cogliere la sublime eleganza della confezione in cartone bordeaux. Il logo DANNEMANN, con tanto di patron in primo piano ci invita sin da subito ad aprire la confezione.
Appena levata la pellicola protettiva un dolce aroma tropicale fruttato si spande nell’aria,con immensa gioia dei nostri sensi.
All’apertura del pacchetto si rimane piacevolmente colpiti da un profumo leggermente più intenso che richiama radici di liquirizia e ci fa immaginare caldi paesi esotici, quali il Brasile, nei quali vengono prodotte le più pregiate miscele di tabacco.
Il signor Dannemann ha pensato bene di apporre i sigilli di garanzia all’interno del pacchetto. Nelle poche, ma significative righe lasciateci si legge: “Superlativi tabacchi tropicali, lavorazione professionale ed un unico aroma garantiscono un’eccezionale esperienza di fumo.”queste lusinghiere frasi non rappresentano una mera trovata pubblicitaria bensì una verità assoluta
Il simpatico, mai quanto intrigante, sigaretto si presenta in una forma pressoché cilindrica, emblema di altissima qualità e di certosina lavorazione artigianale.

SAPORE: 4,5/6
Provando ad appoggiare la lingua ad una delle estremità del sigaretto si potrà notare il gradevole sapore della liquirizia, lavorata come vuole la tradizione Brasiliana.
Bastano 2/3 tirate perché il braciere del sigaro risulti ben acceso, e già dalla prima si resta piacevolmente stupiti dall’amabile aroma che resta in bocca e che si consuma nell’aria.

STORDIMENTO 3,5/6
Come gli esperti fumatori sapranno, per una fumata ricca di gusto non è consigliabile inspirare il fumo del sigaro, in quanto potrebbero avere il potenziale per stordire un cervo, tuttavia questi piccoli sfizi che possiamo toglierci dopo un pasto, o al posto del caffè contengono la propria dose di rilassamento che, anche se in quantità minore delle classiche sigarette, potranno offrire anche al fumatore più esigente i suoi cinque minuti di relax. In ogni caso con una aspirazione leggera e moderata,alternata a tiri senza respirare si ottiene l’effetto migliore.

QUALITÀ’ 4,5/6
Robusto, compatto e gagliardo. Questi aggettivi possono bastare a descrivere la qualità del prodotto, nel quale DANNEMANN impiega passione e dedizione nella propria produzione.
ORIGINALITÀ’ 3,5/5
Sapore fresco e nuovo anche alle bocche dei più esperti “smokers”. Il gusto fruttato ci lascia un piacevole aroma in bocca che si prolunga per diverso tempo.

PERSONALITÀ’ 3/4
Scommetto che una persona che conosce questo tipo di sigari, anche da poco tempo, saprà riconoscere il loro aroma e gusto anche ad occhi bendati.
Credo fermamente che una persona che abbia classe nel fumare debba almeno una volta provare i MOODS.

STILE 2.5/3
Sedendo in un pub è possibile osservare gente che sfoggia sigarette, direi indegne di essere vendute, quali Merit, MS, Muratti. Al rito di accensione di un sigaro tutti sono incuriositi a proposito di quale fumo mi sto apprestando ad aspirare. Durante la fumata si può notare la gente che è più allietata che disgustata di come lo possa essere con le sigarette.

TOTALE 21,5/30

Conclusioni: I sigaretti MOODS rappresentano uno status symbol per un esperto fumatore. Accessibili a qualsiasi tasca questo prodotto lo troviamo in confezioni da 5 al prezzo di € 1.50 e in confezioni da 20 al prezzo di € 5.40.Tuttavia dobbiamo doverosamente apporre una nota metodologica circa i parametri di valutazione del prodotto in questione,essendo la prima volta che recensiamo prodotti diversi dalle sigarette,abbiamo deciso di applicare lo stesso metodo valutativo anche ad un prodotto che sigaretta non è. I puristi del settore infatti giustamente sapranno che nel recensire un sigaro oltre ai parametri usati per le sigarette(originalità,personalità ecc.), bisogna necessariamente tenere conto di altri fattori:bruciatura,consistenza,aspirazione,estetica,e costruzione. Essendo la prima volta sarebbe stato oltremodo impegnativo forgiare dal nulla rinnovate formule valutative ed applicarle ottenendo una descrizione quanto più oggettiva e fedele della realtà,in ogni caso siamo al lavoro per produrre una nuova griglia di valutazione per i sigari,in quanto il blog punta molto anche su questo nuovo settore finora da noi poco sviluppato. Tuttavia anche in questa recensione ci siamo sforzati di dare alla fine una valutazione complessiva equa e oggettiva,nonostante la metodologia valutativa applicata non fosse decisamente la più idonea al caso,in tal modo per ottenere un risultato veritiero ci siamo appoggiate ad alcune lievissime forzature degli indicatori.

Ciao a tutti e alla prossima

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Di siti che si occupano di buoni sigari ce ne sono un milione. Il vostro è bello perchè si occupa di sigarette (che mille altri siti considerano prodotti di serie B). A mio avviso sarebbe meglio lasciar perdere i sigari.
Complimenti ancora per il sito.

FUMARE CON STILE STAFF ha detto...

di sigari abbiamo deciso di recensirne solo uno ogni tanto.il vero asse portante del blog sono e resteranno le sigarette,che non sono affatto prodotti di serie b,anzi al giorno d'oggi se recensisci un sigaro vieni considerato un intenditore,se recensisci una sigarette rischi di essere considerato pazzo,come se le sigarette fossero tutte uguali tra loro.la gente ignora il fatto che anche la scelta di una sgaretta deve essere condotta in base a detrminati criteri.

Anonimo ha detto...

ho smesso 8 anni fà di fumare un pacchetto di sigarette al gg avevo 1 stecca in uff 1 a casa e 1 in macchina, erano loro che fumavano me, 3 anni fà ho ricominciato con i moods c/f 2/3 al gg è tutta un'altra musica posso stare anche senza, ma il gusto e l'odore che ti lasciano addosso non è più fastidioso, anzi.

Anonimo ha detto...

scusa ma questi sigaretti vanno fumati come i sigari lentamente o si possono fare dei tiri più spesso?

Anonimo ha detto...

ciao a tutti fumo questi sigari da almeno 10 anni e posso dire ke sono i migliori!!!!!

Felix ha detto...

Che dire dei mini-moods, metà filtro e metà sigaretto, diametro 7 mm circa, in confezione da 10, che sono una favola per chi, come me, ha deciso di smettere di fumare (mediamente 40 sigarette al giorno)ma non può fare a meno, ogni tanto, di un paio di tiri? Un saluto a tutti.

Unknown ha detto...

Ciao scusa interessante l'articolo ma mi potete spiegare perché non posso aspirare il fumo nei Moods ma quelli con filtro?se c'é il filtro immaginavo era per via della nicotina...

Anonimo ha detto...

la prima volta in vita mia che ho fumato non è stata con un sigaretta, le quali nn mi sono mai piaciute e non mi piacciono tuttora, bensì provai un moods cigarillas, fu veramente una bella sensazione, specialmente olfattiva!li fumo tuttora perche mi piacciono e soprattutto rilassano molto

Anonimo ha detto...

Probabilmente chi fuma moods non ha mai provato il tabacco cubano 100% come Cohiba, Romeo Y Julieta, Montecristo..

Anonimo ha detto...

Il tabacco nuoce gravemente alla salute..se cmq vi piace fumare...fumatevi l'erba.

Anonimo ha detto...

No vabbè dai, non posso crederci. L'elogio dei Moods, che più che sigari sono cilindri di liquirizia chimica. Ma come fa l'autore della recensione a rivendicare pure la raffinatezza del palato del fumatore di sigarette (cit. "non sono tutte uguali"), se poi arrivano a piacergli i Moods? È come dire:"sono un cultore dell'ottimo cinema" mentre si guarda appassionatamente una puntata di Don Matteo.
Fate un favore, restate sulle sigarette, convinti da par vostra che una marca sia uno status symbol più di un'altra e che NON siano tutte uguali, e lasciate i sigari a chi ne capisce.